Sondaggio Spagna: Il Partito Popolare è ben 13 punti sopra il Partito Socialista.

Secondo un sondaggio pubblicato dal quotidiano di sinistra Publico sarebbe fortissimo il vantaggio del partito di Mariano Rajoy su quello di Josè Zapatero. Ben 13,2 punti percentuali.
Il sondaggio Publiscopio fotografa in maniera impietosa l’attuale umore degli spagnoli nei confronti del loro Premier e finisce per attestare il PP al 43,2% e il PSOE addirittura al 30%. Il Partito Socialista Spagnolo, infatti, perde ben 13,6 punti rispetto alle politiche del 2008 mentre il Partito Popolare, di contro, ne guadagna ben 3.
A rosicchiare consensi ai socialisti ci sta pensando anche il partito di sinistra Izquierda Unida che portandosi al 7,5% finisce per diventare la terza forza politica del paese. Una sorta di effetto Sinistra Ecologia Libertà in salsa ispanica.
Degno riscontro lo ottengono persino i nazionalisti catalani del CIU e i centristi dell’Upyd che si attestano su cifre attorno al 4,5%.
E’ un periodo drammatico per Zapatero che, stretto nella morsa del centro e della sinistra, appare agli elettori un Primo Ministro che sembra aver perso la bussola e che, nella confusione programmatica più totale,  stile Partito Democratico Italiano, cerca di nascondere l’impronta socialista di un tempo finendo per ammiccare al centro dell’elettorato, con scarsissimi risultati, e col perdere consensi a sinistra.
In tutto questo, si fosse votato oggi, il PP si sarebbe aggiudicato ben 178-182 seggi mentre il PSOE ne avrebbe persi circa 45 rispetto a due anni fa passando a 120-124. Il CIU sarebbe passato dagli attuali 10 a 15 seggi circa mentre l’UPYD avrebbe quintuplicato da 1 a 5 il numero dei deputati.
Un vero è proprio boom invece per la Izquierda Unida che avrebbe raggiunto quota 15 deputati rispetto agli attuali 2.
Advertisements