La Sassata: Eto’o e la MatemEtica

La Scienza Politica da il via a quella che spera possa rivelarsi la rubrica domenicale del blog: La Sassata. Sassata uguale articolo che ogni fine settimana Giovanni Sasso pubblica per il Corriere del Mezzogiorno. E’ con piacere, quindi, che arrivo ad ospitare, previo invito, un appuntamento che da sempre mi ha colpito per la ricchezza di ragionamento per Insight. Un Grazie a Giovanni per la disponibilità e, non per ultimo, buona lettura a Voi tutti.


Va molto di moda parlare di etica. In particolare, quelli che ne sostenevano l’unicità, la sacralità, l’intangibilità, oggi si scoprono relativisti e libertari. Viceversa i campioni della morale soggettiva, ne evidenziano la dimensione assoluta e la brandiscono come una clava. A me, personalmente, l’etica m’ha rotto le palle. Roba da moralisti della domenica, non posso permettermela, io scrivo di sabato. Oggi come oggi ho bisogno di certezze, di misurazioni precise, di numeri. Per questo l’ho sostituita con la matematica. Eccovi dunque un problema. Un calciatore dell’Inter, Samuel Eto’o, viene sorpreso due volte: la prima da una vigilessa, che lo becca a parcheggiare la macchina in divieto di sosta. La seconda da un fotografo, che lo immortala mentre con eloquenti gesti e aria disperata, sta provando a convincere la vigilessa di cui sopra, ad annullare la multa testé elevatagli. Ora, sapendo che una multa per divieto di sosta a Milano ammonta in media a sessanta euro e sapendo che Samuel Eto’o percepisce dieci milioni e mezzo di euro netti ogni anno, cioè 875.000 euro al mese, cioè 28.767 euro al giorno, cioè 1.198 euro all’ora, cioè circa 20 euro al minuto, dovete dirmi: 1) in quanti minuti Samuel Eto’o guadagna la somma necessaria a pagare la multa in oggetto; 2) dato il risultato precedente, dopo quanti minuti la scenata di Eto’o con la vigilessa diventa scarsamente conveniente 3) quanto è patetica la scena di un calciatore multimiliardario che si impegna disperatamente a farsi “togliere” una multa sacrosanta. Ops… mi sa che con il quesito numero 3 sono ricaduto nei sabbiosi terreni dell’etica. Torno immediatamente alla matematica. 4) Sapendo che Eto’o, nell’arco di un campionato, subisce dagli avversari circa 120 calci, calcolate se questo numero sia minore o maggiore del numero dei calci in culo che meriterebbe per questa edificante scenata.
di Giovanni Sasso

Annunci