La Sassata: Lunga vita alla Gelmini!


Alle ore 16:45 di ieri ho cliccato sul sito del CNR e ho scoperto che è un «ente pubblico nazionale con il compito di svolgere, promuovere, diffondere, trasferire e valorizzare attività di ricerca nei principali settori di sviluppo delle conoscenze e delle loro applicazioni per lo sviluppo scientifico, tecnologico, economico e sociale del Paese». Alle 16:48 ho letto che il vicepresidente del CNR si chiama Roberto De Mattei. Alle ore 16:50, su YouTube ho ascoltato un’intervista nella quale tal Roberto De Mattei definisce lo tsunami del Giappone un «giusto castigo, voce della bontà di Dio». Alle ore 16:55, in una seconda intervista, sempre tal Roberto De Mattei attribuisce alla abnorme presenza di invertiti (omosessuali ndr) la caduta dell’impero romano. Alle 17 ho pensato che fosse davvero una singolare coincidenza che il vicepresidente di un ente con il compito di «svolgere, promuovere, diffondere, trasferire e valorizzare attività di ricerca nei principali settori di sviluppo delle conoscenze e delle loro applicazioni per lo sviluppo scientifico, tecnologico, economico e sociale del Paese», fosse omonimo di un tale mentecatto schizoide clerical oltranzista. Alle 17:12 su Wikipedia, ho scoperto che non si tratta di omonimia: il vicepresidente del CNR e il neo-crociato paranoico sono la stessa persona. Alle 17:20 sono stato colto da un’estasi mistica: mi è apparso De Mattei, vestito solo da un cilicio, mentre teneva la sua prima conferenza stampa da neo ministro della Pubblica Istruzione. Spiegava che i dinosauri si estinsero perché tutt’a un tratto, a furia di masturbarsi, divennero ciechi. E che il DC9 Itavia precipitò al largo di Ustica perché pilota e copilota, noti sodomiti, caddero in tentazione perdendo il controllo del velivolo. Alle 18:03 mi sono inginocchiato su ceci biologici e ho chiesto a un dio a caso di garantire lunga vita alla Gelmini.


di Giovanni Sasso
Annunci