Andrea Orlando ha i numeri per formare il primo partito al Senato

Romano Prodi durante l’incontro sul tema ‘Un quadro mondiale in movimento (e noi?)’ presso Palazzo Mezzanotte a Milano, 05 febbraio 2014.
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Ci fosse la volontà politica. Ci fosse la forza delle idee. Ci fossero gli attributi. Ci fosse la voglia di tornare a lottare sui banchi del Senato della Repubblica per un partito che fino a pochi anni fa rappresentava un sogno di popolo, un matrimonio osteggiato in tutti i modi, una Liberazione da anni pesi come il piombo, che hanno lasciato morti sull’asfalto e nelle autovetture, che hanno segnato in volto i reduci, che han fatto tirare un sospiro di sollievo a quanti credevan non fosse più possibile sperare in un Paese migliore. Ci fossero gli uomini di un tempo, quelli con la visione lunga, dagli ideali come il vento, con l’amore per il Bene Comune, oggi 25 Ottobre 2017, il Rosatellum Bis non otterrebbe la Fiducia.

Jeremy Corbyn celebrates his victory following the announcement of the winner in the Labour leadership contest between him and Owen Smith at the ACC Liverpool. PRESS ASSOCIATION Photo. Picture date: Saturday September 24, 2016. See PA story LABOUR Main. Photo credit should read: Danny Lawson/PA Wire

Perché c’è ancora Sinistra in questo Paese e ancor più in Parlamento. Perché i Parlamentari della Repubblica eletti sotto le fila di Italia Bene Comune che non hanno tradito il mandato popolare ricevuto dagli italiani sono, quantomeno in questa Camera, maggioranza relativa. Perché, fatti due conti, e premessa la volontà di costituire una nuova Forza Politica, se non quando, egemonizzare il Partito Democratico stesso, ci sono ancora a Palazzo Madama i numeri per costituire il più grande Gruppo Parlamentare.

Ettore Rosato during Meeting Confindustria, at Auditorium in Rome on May 26, 2016 (Photo by Silvia Lore/NurPhoto via Getty Images)

Oltre ad Articolo Uno, Sinistra Italiana, Possibile, Italia dei Valori, ci sono ben quaranta Parlamentari in quota Andrea Orlando, ed altrettanti appartenenti alle tante minoranze interne al PD sottomesse dalla Segreteria Renzi. Insomma, ci sono almeno sessantacinque Senatori pronti a prendere in mano le redini del Governo di questo Paese. Dopo l’ipotetica sfiducia, e la conseguente caduta dell’Esecutivo Gentiloni, la sinistra avrebbe la possibilità di traghettare a nuove Elezioni il Paese ed imporre la propria forza contrattuale nelle Camere per una nuova Legge Elettorale che sia scritta e progettata in modo saggio e negli interessi degli italiani.

Il Giudice Sergio Mattarella durante l’Udienza Pubblica che si occupera’ di 13 cause tra le quali il divieto di fecondazione eterologa e il conflitto attribuzione Berlusconi-giudici, Roma, 22 Maggio 2012.
ANSA/SAMANTHA ZUCCHI

Considerato che succitata Legge non fa altro che aprire le porte alle Larghe Intese, e forse nemmeno quello. Considerato che – attualmente – in termini numerici – non c’è nemmeno la sicurezza che ciò avvenga, quasi mancano i numeri alla Camera affinché possa instaurarsi un Esecutivo PD-FI ed, allo stesso modo, quelli atti a dar vita ad un Governo di Große Koalition tra i DEM ed i Cinque Stelle che, tale è la confusione che potrebbe generare il Rosatellum Bis all’indomani delle prossime Elezioni Politiche che, il Presidente della Repubblica potrebbe imbattersi in difficoltà immani nel trovare una qualsivoglia personalità alla quale dare mandato esplorativo.

FRANCIA UE:STR002. ESTRASBURGO (FRANCIA), 01/02/2016.- El presidente del Banco Central Europeo (BCE), Mario Draghi, participa en el debate del informe anual de la entidad de 2014, en el Parlamento Europeo de Estrasburgo, Francia, el 1 de febrero del 2016. EFE/Patrick Seeger

In siffatte condizioni, potrebbero passare addirittura dei mesi prima di riuscire a trovare una Maggioranza Parlamentare solida, che abbia la forza per governare per i restanti cinque anni. E, perché no, tali mandati esplorativi potrebbero andare ad oltranza tantoché potrebbero finire col cozzare con la fine del mandato di Mario Draghi in Banca Centrale Europea. Tantoché vien da pensare che, o Ettore Rosato non abbia tutte queste capacità di sfornare una Legge Elettorale adeguata, o Matteo Renzi l’abbia fatta fuori dal vaso.

Annunci

Un pensiero riguardo “Andrea Orlando ha i numeri per formare il primo partito al Senato

I commenti sono chiusi.